Autore: Cento
Liturgia: 0Ingresso
Tema: 0Confessione/Perdono
Video1:
Nostalgia d’una sorgente
Giosy Cento
Ho sempre tanta nostalgia di una sorgente
da cui son nato, goccia piccola, infinita;
non ero solo, era un fiume di fratelli:
un vento forte aleggiava su quell'acqua. 

Acqua viva sei Signore
io mi perdo nel tuo mare,
corro nella tua corrente,
grido la mia libertà. (2v)

Ed era l'alba e nacque il sole dietro ai monti:
riempì tutta la mia goccia in un istante
e la mia vita già non era più la mia,
avevo un volto: era il Tuo, Padre mio! 

Ed ascoltavo, la tua voce mi creava
in ogni istante; mi donavi la tua forza
per camminare in mezzo ai sassi d'una strada
con i fratelli che incontravo ad ogni passo. 

Ed ho voluto anche seguire strade mie
dove non eri, dove ho perso la tua luce
e la mia veste, dono tuo del primo giorno,
s'era sporcata d'una terra solo umana.
Giosy Cento

torna all'inizio del contenuto